Il Mondo Esterno è Condizionato dal Nostro Mondo Interno - Il potere di materializzare le idee

Da cosa dipende un risultato materiale?

Alcuni pensano che sia dovuto all'impegno, altri delegano la responsabilità in quantità variabile alla fortuna.

In base al vostro orientamento potete porvi agli estremi opposti di un continuum.

Se siete un po' sfiduciati nei vostri mezzi, attenderete frequentemente dei colpi di fortuna, mentre se siete assolutamente sicuri di voi stessi sapete che la fortuna in realtà non esiste neanche nella misura dell'1%.

Ho letto trattati e frequentato seminari di persone veramente in gamba, tuttavia in alcuni casi tendevano a ricadere sul concetto di 'casualità'.

Per esempio, è un caso se oggi mi dovessi trovare sotto il tetto di un edificio che mi crollerà in testa?

E' un caso se uscendo di casa, faccio la conoscenza con una persona che mi cambierà per sempre la vita?

E' un caso se investendo in borsa nelle azioni di una ditta sconosciuta, ottengo un guadagno del 40% in una settimana?

E' un caso se nonostante uno stile di vita sano, vengo colpito da una malattia che non dovrebbe manifestarsi?

No, non è un caso! Non lo è mai!

L'unica ragione per cui siamo portati a pensare che esista la fortuna è perchè ce lo hanno insegnato. Qualcuno ha mai visto un 'pezzo' di fortuna per terra?

La fortuna non esiste, è un giudizio. E come sappiamo spesso i giudizi sono errati.

Si tratta di comprendere che il nostro sistema mentale è strutturato in base a credenze ben radicate che ci hanno indirizzati a vedere il mondo in un certo modo, ma questo sistema è superato e non ci porterà più avanti di così.

Possiamo essere riconoscenti di averlo avuto, perchè ciò che siamo diventati oggi è merito degli insegnamenti del passato, ma quando questo modello ci porta a dei vicoli ciechi evolutivi, è bene abbandonarli.

Un sistema di pensiero non potrà crescere per sempre, ad un tratto bisognerà abbandonarlo.

Il motivo per cui abbiamo avuto il bisogno di affidarci al 'caso' è perchè non tutto nella vita è spiegabile e ciò ci fa impazzire perchè ci mette nella condizione di non avere la situazione sotto controllo.

In realtà, esistono dei processi e delle dinamiche molto più complesse di quello che credevamo, alcune di queste dinamiche sono 'visibili' e dunque le abbiamo potute razionalizzare, altre sono ancora adesso inaccessibili mentre altre cominciano a rivelarsi.

La mente è composta di due aree: la prima conscia e la seconda inconscia.

L'evoluzione dell'uomo spinge il cervello a rendere consapevoli molti di questi processi sconosciuti, in modo da aumentare il potere e le risorse della nostra sfera razionale, ma resta ancora un'enorme spazio di misteri che dobbiamo imparare a scoprire.

Ciò che la nostra ragione non capisce è ben chiaro al nostro stesso inconscio.
Dunque i fenomeni le cui responsabilità vengono attribuite alla sorte, sono in realtà processi guidati dal nostro inconscio di cui non ci rendiamo conto.

Per questo motivo la fortuna o il caso non esistono, è solo una semplificazione del nostro sistema di ragionamento.

Questo sistema di pensiero costituisce il nostro mondo interno.

All'interno del cervello abbiamo raccolto delle 'immagini', vere e proprie fotografie, che descrivono ogni concetto che abbiamo in mente.

Se sentite il nome di un vostro amico, nel cervello si aprirà una finestra con la foto profilo corrispondente. A volte non ci facciamo caso, ma se prestate attenzione vi accorgerete che è così.

Quando avete fame, si attiva un'altra immagine del cibo che preferite e così via.

Tutto è stato catalogato attraverso immagini, mentre le dinamiche di vita sono a loro volta organizzate in strutture più complesse che potrebbero essere assimilate ad un mosaico di fotografie il cui insieme descrive il vostro modo di concepire la vita.

Poichè il cervello è chiuso in una scatola, non ha accesso diretto a ciò che succede fuori, dunque si deve affidare a quello che gli hanno raccontato. Ma chi?

I vostri sensi. Sono loro il canale che mette in contatto la realtà col vostro cervello, e sono i sensi che forniscono materiale utile all'interpretazione ed alla codifica del mondo per la vostra mente.

In altre parole voi agirete in base a quello che il vostro cervello 'crede' e ciò in cui credete è raccolto in questo album di fotografie e mosaici mentali.

Le vostre azioni sono direttamente responsabili in ciò che otterrete, poichè sono le azioni che 'costruiscono' il mondo esterno.

Se avete un progetto di una casa e cominciate ad edificarla, il risultato finale si ottiene attraverso le azioni, ma le azioni sono conseguenza diretta del vostro progetto che rappresenta anche il vostro mondo interno.

L'effetto delle azioni costituiscono il nostro mondo esterno.
Più agirete in una direzione, e maggiore sarà l'effetto sul mondo esteriore. Le azioni che eseguirete saranno costanti, indipendentemente dalla volontà. Fino a quando manterrete un certo progetto o mondo interno, le azioni saranno continue e coerenti col vostro modo di pensare.

Ciò vuol dire che se vivete in una condizione a voi sgradita, il risultato è dovuto ad un continuo prodigarsi di scelte che dipendono da un modo di vedere le cose inadeguato alla situazione.

Riassumendo:

Mondo Interno(Progetto)--->Azioni Corrispondenti--->Mondo Esterno(Risultato Materiale)

Ed è sempre così.

Se volete modificare gli effetti della vostra vita, dovete modificare almeno un pezzo del mosaico.

Vi faccio un esempio pratico.
Se un'azienda si ritrova ad avere un costante indebitamento nonostante le buone vendite, è probabile che ci sia una forma pensiero tale da spingere i dirigenti a compiere acquisti e spese ingiustificate.

Magari si ha semplicemente una comprensione sbagliata dei meccanismi finanziari, è molto frequente.

Un esempio storico/biblico che ha condizionato un mondo interno previdente è quello del popolo ebraico nel periodo di Giuseppe.

A causa dei sogni del faraone, Giuseppe interpretò il periodo delle vacche grasse e delle vacche magre apportando un piano di risanamento finanziario.

Il piano consisteva nel mettere da parte un settimo del raccolto ogni anno, per affrontare la futura carestia. Così facendo, Giuseppe modificò l'immagine degli egiziani e questo provocò un cambio nelle loro azioni e quindi dei loro risultati.

Concludendo. Non è mai un problema la situazione materiale in quanto tale, è sempre una conseguenza di qualcosa, che possiamo modificare smettendo di agire nel modo sbagliato modificando prima il nostro modo di pensare e le nostre convinzioni.


Foto di freedigital
Share:

Nessun commento:

Posta un commento

Servizi di riparazioni della casa centro Lazio 

( Roma - Rieti - Viterbo ..... )  h24. 

                                  >>>> Disponibilità<<<<
                                   >>>>>>immediata <<<<<


Per info - 

Tel.. Sms - WhatsApp - 3487186144




Etichette

Recent Posts