In evidenza

L'ALLARME SHOCK! MISTERIOSO PIANETA IN ROTTA CON LA TERRA: "AD AGOSTO TERREMOTI FINO A 9.8 DELLA SCALA RICHTER"

Un pianeta di un altro sistema solare rischierebbe di entrare in collisione con la Terra provocando terremoti e tsunami distruttivi entr...

Visualizzazione post con etichetta 21 Dicembre 2012. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta 21 Dicembre 2012. Mostra tutti i post

lunedì 30 settembre 2013

Il ritorno all’età dell’oro | Giuliana Conforto

Il ritorno all’età dell’oro | Giuliana Conforto

Introduzione del libro BABY SUN REVELATION




















Dopo il 21 dicembre 2012, molti hanno tirato un sospiro di sol­lievo. Il mondo non è finito e la profezia dei Maya non si è avve­rata. Eppure qualcosa è successo.

L’evento è stato invisibile, ma sensibile, toccante non solo per l’attesa che ha suscitato a livello mondiale, ma anche perché ha segnato il definitivo tramonto di una vecchia era e l’inizio della notte che precede l’alba di quella nuova.

È una sensazione diffusa, per me una certezza: il mondo non fun­ziona, è in preda a una follia sempre più acuta, in una crisi che coinvolge tutti i livelli, umano, sociale e politico.

La “democrazia” significherebbe “governo del popolo”.

Quali “democrazie” fanno gli interessi dei popoli, garantiscono la distribuzione equa delle risorse, le pari opportunità, la salute dell’uomo e dell’ambiente? Sono di fatto paralizzate da schiera­menti “opposti”, poli che discutono sempre e non trovano mai i modi per realizzare la reale giustizia, la prosperità e il benessere, il bene di tutti e di tutto.

Vogliamo l’utopia.

È impossibile? No, oggi è possibile e realizzabile. Dobbiamo “pene­trare le pieghe sublimi della natura” come scriveva Giordano Bruno e “porgere l’altra guancia” come diceva Gesù Cristo.

Questi suggerimenti servono non a fare i buoni, i santi, gli eroi o magari i navigatori, come si dice di noi italiani, ma ad abbando­nare le armi utili all’esercizio del potere. Sono le vie da percor­rere se vogliamo scardinare in modo pacifico, utile al bene co­mune, l’inganno alla base del sistema mondiale: una “cono­scenza” che ignora il significato della Vita.

Qui in Europa abbiamo gli strumenti e lo spessore culturale neces­sari per comprendere che la “conoscenza” è un enorme bluff di cui siamo tutti responsabili in un modo o nell’altro.

Prosegui la lettura su: Il ritorno all’età dell’oro
Postato il 03 febbraio 2013 by giulianaconforto
fonte

domenica 16 dicembre 2012

21 dicembre 2012, esperto teologo: “la bibbia non parla di distruzione, ma di trasformazione”

21 dicembre 2012, esperto teologo: “la bibbia non parla di distruzione, ma di trasformazione”

La fine del mondo non la possiamo prefigurare. Sicuramente, questo mondo è fragile, lo vediamo continuamente, anche dal punto di vista fisico e biologico, ma questo non vuol dire che ci sarà una distruzione catastrofica. Da quello che possiamo cogliere nella Scrittura, sarà una trasformazione in un mondo corrispondente al desiderio che Dio ha messo dentro di noi”. Con un’intervista a mons. Giacomo Canobbio, docente di teologia sistematica alla Facolta’ teologica dell’Italia settentrionale, la Radio Vaticana interviene oggi sulla presunta ”fine del mondo” prevista, secondo alcuni interpreti del calendario Maya, per il prossimo 21 dicembre. ”Mi sembra che queste notizie, che stimolano la curiosita’ di molte persone – dice lo studioso -, non solo non abbiano alcun fondamento, ma esprimano una specie di desiderio delle persone di dominare il tempo, di controllarlo, perche’ si accorgono che e’ l’unica cosa che non si riesce in alcun modo a dominare”. Sottolineando, anche in base alla lettura evangelica, che ”e’ un’illusione quella di poter fissare un momento per la fine del mondo”, il teologo spiega che ”la fine del mondo va pensata, invece, come il compimento di tutta la realta’ che Dio stesso vuole realizzare; e’ il compimento proprio perche’ non e’ dato, non ci appartiene, lo aspettiamo nella fiducia che quello che Dio dispone per noi non sia distruzione, ma sia piena realizzazione del desiderio di vita che tutti noi portiamo dentro”.

link

domenica 2 dicembre 2012

Isteria della fine del mondo, si temono suicidi di massa!

Isteria della fine del mondo, si temono suicidi di massa!

Gli astronomi temono il lato oscuro di voci apocalittiche. Gli scienziati della NASA si interessano, e non per la prima volta, all’apocalisse Maya perché temono che gli adolescenti spaventati potrebbero suicidarsi in massa. Almeno quelli più fragili, vicini a conrrenti new age estreme e guru poco raccomandabili.

“Ci sono letteralmente milioni di persone che hanno paura – che pensano che il mondo finirà“, ha detto David Morrison , un astrobiologo della NASA Ames Research Center.
Continua!!!

                                      
                                                                                                                           segue

martedì 20 novembre 2012

21 dicembre 2012, i catastrofisti smontati dalla scienza: il pianeta Nibiru

21 dicembre 2012, i catastrofisti smontati dalla scienza: il pianeta Nibiru

Secondo un recente sondaggio, il 10% delle persone di tutto il mondo, in balia delle più pessimistiche profezie, teme che il mondo possa finire il 21 Dicembre 2012. Recentemente, le notizie divulgate da alcuni dei principali organi di stampa, come quella dell’asteroide Nibiru grande come il Texas (citazione copiata dal film “Armageddon, giudizio finale”, interpretato da Bruce Willis) in rotta verso la Terra, ha contribuito a rafforzare questa idea. 


Credit: David A. Aguilar (CfA)

Continua!!

                                      
                                                                                                                           segue

lunedì 22 ottobre 2012

Campo magnetico e “fine del mondo”.

Campo magnetico e “fine del mondo”:

I sedimenti del Mar Nero hanno permesso di studiare l'inversione magnetica di 41.000 anni fa, dove sono arrivate le polveri del Vesuvio di 39.500 anni fa e le anomalie climatiche dell'Asia[/caption]

Secondo i sostenitori della “fine del mondo” – che dovrebbe avvenire il 21.12.2012 – una delle cause del fenomeno potrebbe essere un’improvvisa inversione del campo magnetico che manderà il tilt il nostro nucleo terrestre. [La bufala della fine del mondo]

Questa ipotesi la possiamo escludere al 1000 per 1000, tuttavia il problema dell’inversione del campo magnetico, ossia del modo con il quale esso avviene e delle conseguenze che può avere sulla vita del pianeta, non è ancora stato spiegato nei dettagli. Ma ora un po’ di nuova luce è stata gettata grazie ad uno studio realizzato dal GTZ German Research Centre for Geosceinces sui sedimenti estratti dal fondo del Mar Nero.

L’inversione dell’era glaciale

Risulta infatti, che 41.000 anni fa, in piena era glaciale, la Terra ebbe un’inversione del campo magnetico, le cui caratteristiche sono state messe in luce con una certa chiarezza. Quando si parla di “inversione del campo magnetico” significa che nel periodo di inversione se fosse esistita la bussola essa avrebbe indicato il Polo Nord magnetico dove oggi c’è il Polo Sud. Inversioni di questo tipo sono sempre avvenute nel passato o almeno si è certi che si sono verificate con una certa frequenza nell’ultimo miliardo di anni. [Quando la Terra era una palla di ghiaccio - Multimedia]

Inversione rapida, ma int ermini geologici

La domanda però alla quale i geologi non sono mai riusciti a dare una risposta precisa è la seguente: in quanto tempo si verifica l’inversione? In poche ore? O ci voglionodecenni, secoli o millenni? Secondo i più l’inversione avverrebbe nell’arco di alcuni millenni. L’inversione è veloce Ma stando a quanto trovato sul fondo del Mar Nero “l’inversione avrebbe richiesto non più di 250 anni, un’inezia in termini geologici”, spiega Norbert Nowaczyk che ha realizzato i recenti studi. Durante quel periodo il campo magnetico terrestre aveva un’intensità che non superava il 5% di quella dei nostri giorni. “Ciò significa –continua il ricercatore- che il nostro pianeta aveva perso quasi completamente la protezione che offre il campo magnetico nei confronti dei raggi cosmici e questo determinò una forte esposizione alle radiazioni che arrivano dallo spazio”.
Questa deduzione è testimoniata dalla presenza del Berillio 10, un elemento radioattivo trovato nei sedimenti del Mar Nero e in quelli dei ghiacci della Groenlandia, il quale si forma dall’impatto dei raggi cosmici con alcuni elementi presenti nell’atmosfera. L’inversione magnetica in questione era già stata rilevata nel Massiccio Centrale della Francia, ma non si era capito -fino ad oggi- se essa fosse una situazione locale o planetaria. Avendo trovato testimonianza della sua esistenza anche nel Mar Nero è evidente che essa fu universale.

Durò poco

L’inversione in questione durò per non più di 440 anni, durante i quali il campo magnetico aveva un’intensità del 25% rispetto a quella attuale, dopo di ché con la medesima velocità con la quale si era invertito, il Polo Nord magnetico riprese la sua attuale posizione.
Cosa significa tutto questo? Innanzi tutto ci siamo fattiun’idea che l’inversione del campo magnetico può essere veloce e che può essere preceduta da una forte diminuzione dell’intensità del campo magnetico stesso. Detto questo guardiamo un attimo alla situazione attuale: dal 1800(grosso modo) ad oggi il campo magnetico sta notevolmentediminuendo d’intensità, anche se non ai livelli in cui scese 41.000 anni fa. Potrebbe voler dire che la prossima inversione è vicina? Non è da escludere, ma certo non entro il 21 dicembre 2012, un po’ più in là forse. Altre scoperte Un’ultima cosa: lo studio dei sedimenti del Mar Nero ha permesso anche di evidenziare che la polvere dell’eruzione delVesuvio avvenuta 39.500 anni fa arrivò fino all’Asia e che 41.000 anni fa l’Asia stessa subi profondi cambiamenti climatici.

Fonte: http://blog.focus.it/effetto-terra/2012/10/17/campo-magnetico-e-fine-del-mondo-nuovi-dati/

domenica 30 settembre 2012

FINE DEL MONDO

Come esprimere lo spirito di un’epoca senza spirito?


Fine del mondo”: quante volte abbiamo udito questa espressione pronunciata da chi, con sicumera, intende irridere le tradizioni che adombrano il tema del passaggio e della palingenesi - preceduti da prove terribili - da un ciclo ad un altro.
Quante volte insipienti, con i loro occhi spiritati, tra malcelata paura e scherno scaramantico, ripetono “fine del mondo…..”
Continua!!

                                                                                                                           segue

mercoledì 26 settembre 2012

21 Dicembre 2012: dalle profezie degli indiani Hopi fino ai Maya, dagli algoritimi informatici ai web bot

Dicembre 2012: dalle profezie degli indiani Hopi fino ai Maya, dagli algoritimi informatici ai web bot



21 

L’uomo è sempre stato affascinato e intimorito dal mistero del proprio futuro.
La consapevolezza di non poter conoscere gli eventi futuri e di non poterli controllare, ha spinto gli uomini, sin dall’antichità, a escogitare i sistemi più disparati per gettare un pò di luce sulla dimensione ignota rappresentata dal futuro. 
Astrologi, maghi, cartomanti e indovini, hanno prosperato nel corso della storia, sul desiderio dell’uomo di conoscere il proprio destino.
Ora, all’inizio del terzo millennio, una risposta potrebbe arrivare dall’informatica. E’ possibile concepire un software capace di svelare gli eventi futuri che attendono l’umanità? E’ quello che si propone di fare il “Web Bot”.
Continua!!

                                                                                                                           segue

domenica 15 luglio 2012

PROFEZIE DEI CROP CIRCLE: NUOVI EVENTI COSMICI AVVERRANNO ENTRO IL 21 DICEMBRE 2012

PROFEZIE DEI CROP CIRCLE: NUOVI EVENTI COSMICI 
AVVERRANNO ENTRO IL 21 DICEMBRE 2012

Nuovi eventi cosmici accadranno entro la fine di Dicembre 2012. Di questo ne è convinto il ricercatore e contattista Pane Andov che spiega come migliaia di anni fa, dal centro galattico della Via Lattea, ci fu un forte rilascio di una quantità enorme di energia, che, come una enorme, lucente, onda circolare, si sta diffondendo in tutta la galassia dal suo centro fino ai bordi. Di questo ne eravamo a conoscenza, infatti attraverso molte delle sonde e telescopi spaziali come Hubble, IRAS e Fermi gli scienziati sono rimasti basiti davanti ad alcune immagini provenienti dal centro galattico, dove si trova un buco nero chiamato Sagittarius A. I Maya lo chiamavano Hunab Ku (luogo da dove nasce la vita) e proprio da questo piccolo black hole o worm holes, è fuoriuscita la nube energetica che sta invadendo tutta la Galassia Via Lattea, fino ad arrivare alla periferia più estrema, invadendo il nostro sistema planetario. Era già scritto da anni sui messaggi impressi nei crop circle (quelli autentici) e ora i creatori dei pittogrammi, lo stanno rammentando di nuovo, attraverso le nuove formazioni comparse a cavallo tra il mese di Giugno e i primi giorni di Luglio 2012.



Guardate!!!

                                             
                                                                                                            segue