Visualizzazione post con etichetta profezie. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta profezie. Mostra tutti i post

PROFEZIA DEI TRE GIORNI DI BUIO

PROFEZIA DEI TRE GIORNI DI BUIO





Rivelazioni Shock

Se ne parla da anni, forse da secoli ed ecco che Charles Bolden, direttore della Nasa (ente spaziale americano) regala al mondo una chiusura del cerchio, per ora soltanto apparente, visto che nulla è stato confermato da fonti attendibili. Di cosa stiamo parlando? Di tre giorni di buio su gran parte della terra che secondo il direttore della Nasa, avverranno il 21, il 22 e il 23 dicembre prossimo.
Il tutto accadrebbe a causa di una potentissima tempesta solare che dovrebbe abbattersi sulla terra proprio in quei giorni. Charles Bolden inoltre si raccomanda di munirsi di viveri, candele e acqua e chiudersi in casa per quei tre giorni in cui, ovvio, tutti i sistemi di telecomunicazione subiranno un blackout generale.

Alla fine del terzo giorno il sole tornerà a splendere. Questa notizia gira sul web da parecchi giorni, come successe del resto, con l’ipotetica fine del mondo prevista dai Maya nel 2012. Siamo tutti qui e sicuramente tutto questo clamore si ridurrà ad una sonora bufala, tuttavia sono molti gli spunti di riflessione che possono scaturirne e molte sono le relazioni con alcune profezie di carattere religioso. Chedonna.it vuole accompagnarvi in questo viaggio particolare dove la scienza si mischia alla religione e dove ognuno di noi, sarà libero di collocare i propri dubbi, le proprie paure o confermare alcune certezze.

Dicembre 2014, l’Apocalisse è vicina?.....

Charles Bolden è davvero l’ultimo in ordine cronologico a parlare dei temuti “tre giorni di buio” che avvolgeranno la terra ed in cui ogni equilibrio sarà messo in pericolo e in cui la popolazione mondiale subirà forti tormenti per compiere una purificazione, da cui uscirà cambiata. Prima di lui molti santi e beati, Gesù Cristo in persona, in una delle pagine del Vangelo di Matteo più belle e intensamente impegnative e più recentemente la Madonna in una delle sue apparizioni a Medjugorje avrebbero predetto questo tormento per il nostro mondo. Conosciamo meglio queste profezie, e cerchiamo di metterle in relazione con ciò che effettivamente sta accadendo al nostro pianeta.

La profezia della Beata Anna Maria Taigi (1769-1837)

“Verrà sopra la terra l’oscurità immensa che durerà tre giorni e tre notti. Nulla sarà visibile e l’aria sarà nociva e pestilenziale e recherà danno, sebbene non esclusivamente ai nemici della religione. Durante questi tre giorni, la luce artificiale sarà impossibile, arderanno soltanto le candele benedette. Durante tali giorni di sgomento, i fedeli dovranno rimanere nelle loro case a recitare il Rosario e a chiedere misericordia a Dio”.

La profezia rivelata da Gesù a San Pio da Pietralcina (1887-1968)

“Uragani di fuoco saranno scagliati dalle nuvole, e si estenderanno su tutta la terra. Temporali, tempeste, tuoni e piogge ininterrotte e terremoti copriranno la terra durante tre giorni. Seguirà allora una pioggia di fuoco, ininterrotta per dimostrare che Dio è Signore della creazione. Per prepararvi a questa prova, vi darò dei segni e delle istruzioni. La notte sarà freddissima, il vento spunterà, il tuono si farà sentire. Chiudete tutte le porte e tutte le finestre. Non guardate fuori durante il terremoto perchè l’ira del Padre mio è santa, non sopportereste l vista della sua ira. Nella terza notte cesseranno i terremoti e il fuoco e il giorno dopo il sole splenderà di nuovo”.

La profezia rivelata a Frà David Lopez dalla Madonna di Medjugorje

Frà David è un frate francescano che vive in Texas, dove nella città di Westaco, dirige un ricovero per i poveri. Il 14 agosto del 1987 mentre si trovava in pellegrinaggio a Medjugorje, durante un apparizione ai veggenti, lui riceve un messaggio dalla Madonna, nel quale gli viene preannunciato un periodo di tribolazione per il mondo e tre giorni di buio. “Durante questi tre giorni di buio, non verrà lasciato all’inferno nemmeno un demone, tutti saranno sulla terra. Quei tre giorni saranno talmente bui che non riuscirete a vedere nemmeno la mani di fronte al viso” la Madonna poi aggiunse di chiudersi in casa, di serrare porte e finestre e di non rispondere a nessuno che chiami da fuori. “La gente non dovrebbe andare in cerca di segni e non dovrebbe perdere tempo ad individuare la data. Attenti a quelli che danno date. Se si conoscessero le date, la gente vivrebbe solo attendendo la data e non si convertirebbe per amore di Dio”. Le ore di buio saranno 72, dopo questa purificazione sarà primavera e tutto sarà verde e pulito. Prima di questi giorni ci sarà un segno che tutti vedranno, una grande croce rossa nel cielo, in un giorno senza nuvole. Questa croce sarà vista da tutti cristiani, atei e pagani e sarà un avvertimento per tutti coloro che ancora non si sono convertiti all’amore di Dio.

Vangelo di Matteo

Subito dopo la tribolazione di quei giorni,
il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce,
gli astri cadranno dal cielo e le potenze dei cieli saranno sconvolte.


Allora comparirà nel cielo il segno del Figlio dell’uomo e allora si batteranno il petto tutte le tribù della terra, e vedranno il Figlio dell’uomo venire sopra le nubi del cielo con grande potenza e gloria. Egli manderà i suoi angeli con una grande tromba e raduneranno tutti i suoi eletti dai quattro venti, da un estremo all’altro dei cieli.
Dal fico poi imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. Così anche voi, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che Egli è proprio alle porte. In verità vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo accada. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
Quanto a quel giorno e a quell’ora, però, nessuno lo sa, neanche gli angeli del cielo e neppure il Figlio, ma solo il Padre”.

La profezia dei tre giorni di buio, come viverla dentro di noi

Dopo aver letto alcune delle molte profezie che annunciano i tre giorni di buio, molti di noi penseranno di essere tornati indietro nel tempo, altri che una tempesta solare è un fenomeno che può accadere visto come stiamo trattando il nostro pianeta. Una cosa è certa, nel nostro cuore una scintilla di divino esiste e siamo portati tutti a vivere un’evoluzione della nostra anima verso l’amore. Le profezie ci mettono paura, e forse nemmeno troppa, ma invece ci dovrebbero aiutare a capire chi siamo e dove vogliamo arrivare, quali siano i valori importanti per noi e quanto il nostro operato arrechi danno al prossimo e alla natura che ci circonda. In un mondo dove la violenza verso i più deboli è diventato un modus operandi per decretare il più forte, dove si eseguono ogni giorno sacrifici animali e umani come un tempo dettava l’ignoranza, e dove ci si crede eterni persi nel vuoto della nostra anima, forse i giorni di buio non sono soltanto tre, ma molti di più, tutti quelli che che vivrà la nostra anima fino a quando non sceglieremo l’amore come unica via per raggiungere Dio, e qualsiasi mezzo ci porti alla pace del cuore. Dal cielo giungono avvertimenti, terremoti e piogge stanno distruggendo la terra e questa è realtà e non profezia, accogliamo questo aiuto per tornare alla nostra parte più profonda e pura e affidandoci a chi ci ha creato e che vorrà sempre la nostra vera felicità e non a chi vuole schiacciare l’amore per farci vivere una notte buia.



fonte
tratto da
Share:

I SEGNI DEI TEMPI - la Prova che stiamo vivendo negli ultimi giorni

I SEGNI DEI TEMPI - la Prova che stiamo vivendo negli ultimi giorni



La Parola di Dio ci dà centinaia di “segni dei tempi”, indicazioni degli ultimi giorni, a cui dobbiamo prestare attenzione per poter conoscere esattamente quanto manca alla fine! Esaminiamo ora alcune di queste predizioni e profezie bibliche specifiche e letterali riguardanti le condizioni e gli eventi che avverranno negli ultimi giorni del governo dell’uomo su questa terra, profezie che risalgono a migliaia di anni fa!

Rivelazioni Shock

In risposta alla domanda dei suoi discepoli, “Quale sarà il segno della tua venuta e della fine del mondo?” (Matteo 24,3), Gesù disse: “Udrete parlare di guerre e di rumori di guerre; guardate di non turbarvi, perchè bisogna che questo avvenga, ma non sarà ancora la fine. Poichè si leverà nazione contro nazione e regno contro regno; ci saranno carestie e terremoti in vari luoghi; ma tutto questo non sarà che il principio di dolori” (Matteo 24,6-8). Benchè tutti questi fenomeni si siano manifestati per millenni e siano sono “il principio di dolori”, è interessante notare come siano cresciute le proporzioni, la gravità e la frequenza con cui essi si presentano:
“Guerre e rumori di guerre...”. Anche se fino al 1914 il mondo non è mai stato completamente privo di guerre, fino a quel punto esse non erano mai state universali. Ma con la prima guerra mondiale del 1914-1918, come pure con la seconda guerra mondiale del 1939-1945, tutto il mondo rimase coinvolto nel conflitto. Durante quest’ultima, furono arruolate complessivamente 93 milioni di persone. Al ventunesimo congresso della Croce Rossa Internazionale, nel 1969, fu reso noto che, dall’inizio del ventesimo secolo, oltre 130 guerre erano state combattute nei cinque continenti, più di 90 milioni di persone erano rimaste uccise in guerra e oltre tremila miliardi di dollari erano stati spesi in armamenti.

I governi spendono oggi centinaia di miliardi di dollari ogni anno in preparativi bellici. Il budget per la “difesa” degli Stati Uniti nel 1986 era di circa 300 miliardi di dollari, ossia 1.300 dollari per ogni individuo di quel paese. Per quanto riguarda poi le armi nucleari, le bombe infernali di questi ultimi giorni, è stato affermato che siamo la prima generazione ad aver la capacità di distruggere il pianeta! Ci sono armi nucleari in esistenza equivalenti a 1,3 milioni di esplosioni come quella di Hiroshima! Un solo sommergibile nucleare contiene più forza esplosiva di tutte le bombe e le munizioni fatte esplodere durante la seconda guerra mondiale!



“Carestie...”. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) ha calcolato che circa un terzo della popolazione mondiale oggi è ben nutrito, mentre un terzo è malnutrito e l’altro terzo sta morendo di fame! Oltre quattro milioni di persone all’anno muoiono di fame, il che equivale a trenta persone al minuto, e il settanta percento di tutti i bambini sotto i sei anni sono malnutriti. Malgrado i record di produzione che l’agricoltura e l’industria alimentare stanno raggiungendo, l’Organizzazione delle Nazione Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) ha dichiarato che circa 500 milioni di persone oggi sono sull’orlo di morir di fame, una cifra che comprende il 60% di tutti i popoli Africani. In Africa, oltre 12.000 chilometri quadri di territorio diventano desertici ogni anno per i gravi danni apportati al patrimonio forestale e per mancanza di fertilizzanti.

“E pestilenze...”. Gesù predisse che ce ne sarebbero state moltissime. Secondo l’Associazione Americana per lo Sviluppo della Scienza, il 35% dei prodotti agricoli alimentari di tutto il mondo viene distrutto da insetti prima del raccolto, mentre un altro 10% viene distrutto da parassiti durante l’immagazzinamento. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, ci sono al mondo 364 tipi di insetti che hanno sviluppato una resistenza ai pesticidi.

“Terremoti in vari luoghi...”. Secondo il “World Almanac”, ci sono stati solo sei terremoti di forza rilevante nel periodo di quasi cento anni che andò dal 1800 al 1896, ma per ogni decennio dal 1897 al 1947 se ne sono riscontrati due o tre, nella decennio dal 1947 al 1956 se ne sono verificati sette e dal 1957 al 1966 diciassette, finchè dal 1975 al 1986 sono stati registrati più di cinquanta terremoti di una certa entità. Nell’ultima metà degli anni ’70 ci sono state più vittime di terremoti che in tutti i 75 anni precedenti. Infatti, sui 49 terremoti più grandi della storia, 25 si sono verificati tra il 1960 e il 1980, in due sole decadi! Un’indagine geologica svolta di recente negli Stati Uniti ha constatato che nel 1990 si sono riscontrati in tutto il mondo sessanta terremoti “significativi”, superando di cinque l’anno precedente. La media per gli anni ’80 è stata di cinquantaquattro terremoti all’anno. I sessanta terremoti del 1990 hanno provocato la morte di 52.000 persone, la cifra più alta dal 1976. Per “significativi”, quest’indagine ha inteso terremoti di un valore pari o maggiore a 6,5 sulla scala Richter.

Continuando la descrizione che Gesù ci diede di questi ultimi giorni: “E questo Vangelo verrà predicato in tutto il mondo come testimonianza per tutte le nazioni e allora verrà la fine!” (Matteo 24,14). In risposta alla domanda dei discepoli circa il “segno della sua venuta e della fine del mondo”, Gesù disse che gli altri segni citati prima sarebbero stati solo “il principio di dolori”, la fine non sarebbe ancora arrivata. In questo passo, invece, disse che quando il Vangelo verrà predicato in tutto il mondo, allora verrà la fine!

Nel corso dei secoli non c’è mai stata un’epoca in cui ogni nazione abbia sentito il Vangelo come oggi, non solo tramite l’opera personale dei missionari, ma anche grazie ai moderni mezzi di informazione come la radio, la televisione e la stampa! Ogni nazione sulla faccia della terra oggi ha sentito il Vangelo, una prova sicura che stiamo proprio vivendo nel tempo della fine!

I moderni mezzi di comunicazione e di trasporto che hanno permesso l’adempimento di questa profezia ci ricordano un’altra predizione riguardante le condizioni degli ultimi giorni, data dal profeta Daniele nel 534 a.C.: “Al tempo della fine, molti correranno da una parte all’altra, e la conoscenza aumenterà” (Daniele 12,4).

“Molti correranno da una parte all’altra...” I mezzi di trasporto che non erano cambiati per migliaia di anni, ebbero una grande trasformazione solo poco più di cent’anni fa! Fino ad allora, l’uomo viaggiò sempre come Adamo ed Eva, a piedi o a dorso di animali, o in un veicolo trainato da un animale. Pochissimi percorrevano grandi distanze! In poco più di cent’anni, invece, il genere umano ha progredito fino ad essere in grado non solo di viaggiare a velocità incredibili, ma di volare e perfino di raggiungere la luna! “Molti correranno da una parte all’altra!”

Oggi le persone viaggiano come mai prima. Il turismo internazionale è diventato una vera e propria industria. Più di duecento milioni di persone viaggiano ogni anno al di fuori del proprio paese! Solo negli Stati Uniti, nel 1979 oltre trecento milioni di passeggeri erano stati trasportati da linee aeree interne, percorrendo complessivamente quasi seicento miliardi di chilometri!

Se ci rendiamo conto che oggi sono ancora in vita delle persone che si ricordano i giorni in cui i comuni mezzi di trasporto erano il cavallo o le carrozze, capiremo che sorprendente adempimento abbia avuto questa predizione sul tempo della fine! Le automobili oggi possono superare i 400 Km/h, gli aeroplani superano i 3.000 km/h, e le navi spaziali i 36.000! Un jet può volare intorno al mondo in 24 ore, una navicella spaziale in 80 minuti e un messaggio radio può raggiungere le estremità della terra in meno di un secondo!

Duemilaseicento anni fa un altro profeta predisse le nostre moderne autostrade e le automobili che sfrecciano su di esse, dicendo: “I carri si slanceranno furiosamente per le strade e per le piazze, avranno l’aspetto di fiaccole, guizzeranno come folgori” (Naum 2,4,5). Immaginate quel profeta antico di fronte ad una visione di autostrade futuristiche, quelle che abbiamo oggigiorno, con centinaia di automobili che vi sfrecciano sopra a fari accesi (“fiaccole”), di notte! Come avrebbe potuto descriverla? Non aveva mai visto nè immaginato niente di simile! Sembravano folgori ai suoi occhi; e certamente “si slanciano furiosamente per le strade”! Migliaia di persone ogni anno perdono la vita sfrecciando in questo modo!

“E la conoscenza aumenterà...” sono state fatte più scoperte scientifiche nell’ultimo secolo di quante ne siano mai state fatte in tutti i precedenti seimila anni. Durante quest’ultimo secolo del tempo della fine la conoscenza è aumentata quasi al di là di ogni immaginazione, al punto che oggi i macchinari sono diventati così complessi che perfino gli scienziati e i tecnici che hanno ricevuto una preparazione specifica possono a mala pena comprenderli!

I computer oggi stanno addirittura prendendo il posto del cervello umano e quello che possono realizzare nel campo del calcolo, della memoria, dell’elaborazione dei dati e perfino del ragionamento logico, sorpassa già di gran lunga i limiti della nostra mente! Un uomo impiega circa 90 secondi per moltiplicare due numeri di cinque cifre l’uno, ma un computer può fare la stessa operazione con una rapidità 30 milioni di volte maggiore. Il Centro Spaziale NASA in California ha un computer che può svolgere quasi 13 miliardi di calcoli complessi per secondo.

Pochi anni fa fu calcolato che il complesso della conoscenza umana stava raddoppiando ogni dieci anni, ma ora gli esperti hanno corretto questo numero, portandolo a cinque! E’ riconosciuto anche il fatto che più dell’ottanta percento degli scienziati che siano mai vissuti sulla terra sono nostri contemporanei! La scienza medica sta progredendo tanto rapidamente che è stato calcolato che oltre il 70% dei medicinali in uso oggi sono stati scoperti o creati dopo la seconda guerra mondiale. Il Prof. Malcolm Todd che fu un tempo presidente dell’Associazione Medica Americana, ha detto che circa la metà della conoscenza medica viene sorpassata ogni dieci anni. Oltre 15.000 riviste scientifiche vengono pubblicate ogni anno e in tutto il mondo oltre mille libri nuovi vengono annualmente stampati. La conoscenza è indubbiamente “aumentata”!

Tuttavia, anche se l’uomo ha tutta questa conoscenza a sua disposizione e ha fatto tante sorprendenti scoperte scientifiche e tanti progressi in campo tecnologico, a che gli ha giovato? Senza Dio e senza la Sua Parola, tutto è così confuso, complicato e complesso. Al termine dei propri studi, la maggior parte dei giovani si trova più disorientata di prima, adempiendo così, senza volerlo, un’altra profezia riguardante quest’ultima generazione: “Sappi questo, che negli ultimi giorni gli uomini impareranno sempre, ma non potranno mai pervenire alla conoscenza della verità” (2 Timoteo 3,1,7).

Un’altra profezia che è stata adempiuta in maniera accurata riguarda il periodo di tempo che precede di poco il ritorno di Gesù: “Quel giorno (della seconda venuta del Cristo) non verrà se prima non sarà venuta l’apostasia” (2 Tessalonicesi 2,3). Apostasia è un termine greco che significa rinnegamento, ripudio della fede. Vi sarà un’apostasia poco prima che Gesù ritorni a prendere possesso della terra. Si è avverata questa profezia? Non sono già molti quelli che per indifferenza rinnegano e ripudiano Cristo e Dio?

In tutto il mondo oggi c’è una grande apostasia, per l’incredulità della gente, che ha perso fede in Dio, nella sua Creazione e nella Bibbia. Intere nazioni che una volta erano cristiane si sono ora allontanate dalla fede a favore della ridicola menzogna dell’evoluzione, un complesso di teorie, menzogne, fantasie e ipotesi senza fondamento nè prove su cui basarsi!

Abbandonati Dio, la Bibbia e il Cristianesimo, senza aver trovato altro sostituto se non l’animalistica, cannibalistica religione dell’evoluzione, l’uomo è giunto ad uno stato di anarchia e confusione totali. Dopo tutto, se non c’è un Creatore nè una creazione, allora la vita sembra seguire solo un insulso e caotico processo evolutivo. Se non c’è Dio, non c’è nessuno a governare il mondo, quindi non ci sono leggi; e senza leggi o regole non esiste un criterio per decidere che cos’è vero o falso. “Uccidi, ruba, fai quel che vuoi! Non importa! Non c’è vero o falso, giusto o sbagliato!” Il risultato è la pazzia, una follia universale!

Sapete qual’è l’età in cui oggi si riscontra il maggior aumento della criminalità, anche grave? I quindici anni. Secondo rapporti dell’FBI e del Ministero della Giustizia, nel 1979 furono arrestati negli Stati Uniti oltre 1.607.000 ragazzi dai quindici anni in giù. Pochi anni fa, l’età in cui si riscontravano più crimini era quella dai venti ai trent’anni, ma ora è scesa a quindici o anche meno! Perchè? Perchè in paesi come gli Stati Uniti hanno bandito Dio, la Bibbia, Gesù e la religione dalle scuole pubbliche!

L’uomo non sta migliorando, come insegna l’evoluzione, anzi, la Bibbia afferma proprio il contrario! “Negli ultimi giorni i malvagi e gli impostori andranno di male in peggio, seducendo ed essendo sedotti!” (2 Timoteo 3,1.13). Gesù ha detto che “come fu ai giorni di Noè, così sarà alla venuta del Figliuol dell’uomo!” (Matteo 24,37). Ai tempi di Noè, il mondo era in una condizione di malvagità tale che Dio si pentì perfino di averlo creato! “L’Eterno vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che tutti i disegni dei pensieri del loro cuore non erano altro che male in ogni tempo. La terra era corrotta davanti a Dio; la terra era piena di violenza” (Genesi 6,5.11).

Non è forse pieno di violenza il mondo d’oggi? Negli Stati Uniti, la violenza è aumentata del 1600% negli ultimi vent’anni, con un danno di 12 miliardi di dollari all’anno! Un rapporto del Surgeon General (l’autorità medica degli Stati Uniti) ha dichiarato che, in quel paese, “la violenza in tutte le sue forme è adesso il pericolo pubblico numero uno per la salute!”


Gli esperti hanno calcolato che, quando un bambino americano arriva all’età di quindici anni, ha già assistito sui teleschermi alla distruzione violenta di oltre 13.000 esseri umani! Non c’è da meravigliarsi se i loro “diletti” adolescenti finiscono in galera! In una settimana, i seguenti atti sono stati trasmessi alla televisione americana durante il corso di programmi televisivi per bambini: su 185 programmi, 281 aggressioni, 117 omicidi, 19 rapine, 16 rapimenti, 10 complotti per assassinare qualcuno, 3 incendi, 3 ricatti, 3 evasioni, un linciaggio, un bombardamento e un suicidio. In media,un canale televisivo mostra 800 atti di violenza alla settimana! Il peggio è che questi perversi telefilm, video e film americani sono esportati, apprezzati e visti in tutto il mondo! E’ difficile immaginare che i giorni di Noè fossero pieni di violenza come quelli in cui stiamo vivendo oggi!

In un’altra predizione sulle condizioni e i costumi del mondo subito prima del suo ritorno, Gesù disse: “Come avvenne anche al tempo di Lot, si mangiava, si beveva, si comprava, si vendeva, si piantava, si edificava; ma nel giorno che Lot uscì da Sodoma piovve dal cielo fuoco e zolfo, che li fece tutti perire. Lo stesso avverrà nel giorno che il Figliuol dell’uomo sarà manifestato” (Luca 17,28-30).

Proprio come le antiche città di Sodoma e Gomorra, il mondo oggi è pieno di “uomini che con uomini commettono cose turpi” (Romani 1,27) e l’omosessualità maschile dilaga! Le leggi umane stanno iniziando a tollerarla e perfino incoraggiarla, mentre innumerevoli film e uomini di spettacolo la favoriscono e la ostentano apertamente, un altro motivo per cui Dio interverrà molto presto!

“Perchè l’iniquità sarà moltiplicata, la carità dei più si raffredderà” (Matteo 24,12). Questa profezia di Gesù sulla fine dei tempi si è certamente adempiuta in questa generazione totalmente egoista, egocentrica ed oziosa. L’iniquità si è moltiplicata e non c’è dubbio sulla freddezza dei sentimenti. “Negli ultimi giorni, gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanagloriosi, superbi, bestemmiatori, disobbedienti ai genitori, senz’affezione naturale, senza amore per il bene, temerari, gonfi, amanti del piacere anzichè di Dio” (2 Timoteo 3,1-5).

Sono senza dubbio “senza affezione naturale” quei milioni di donne che ogni anno compiono aborti, omicidi contrari alle leggi di Dio. Donne senz’amore materno che uccidono i propri bambini prima che possano nascere perchè non li vogliono. Per migliaia d’anni nella storia del mondo i bambini sono stati considerati benedizioni di Dio, e solo in questi ultimi giorni è diventata una “benedizione” non avere figli. Solo negli Stati Uniti più di un milione di aborti legali sono praticati ogni anno, e circa il 30% di tutte le gravidanze sono interrotte dall’aborto. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, oggi nel mondo ci sono due aborti per ogni cinque nascite, per non parlare della Cina, dove a causa del governo anticristo vengono uccise ogni anno migliaia di bambine appena nate o lasciate impazzire in orfanotrofi-lager senza cure, amore o un minimo rispetto umano.

“E vi sarà sulla terra angoscia delle nazioni, sbigottite dal rimbombo del mare e delle onde!” (Luca 21,25). I popoli della terra sono spesso raffigurati nella Bibbia come oceani e onde del mare. (Isaia 57,20.21; Apocalisse 17,15). Qui Gesù parla simbolicamente dei popoli e delle nazioni del mondo, con le ondate delle loro guerre, conflitti, sommosse e insurrezioni! Ogni volta che accendi la radio senti il rimbombo di queste onde, una nuova guerra, una nuova sommossa, una nuova ribellione, una nuova rivoluzione, terrorismo, scioperi, problemi, caos...!


“Gli uomini verranno meno per la paurosa aspettazione di quel che sarà per accadere nel mondo” (Luca 21,26). Sai qual’è la causa principale di morte nel mondo occidentale di oggi? L’infarto! Nel World Almanac si legge che, nel 1980, 566.000 Statunitensi sono morti d’infarto e, approssimativamente, un milione e mezzo di persone negli Stati Uniti soffrono ogni anno di un attacco. Annualmente, tra gli Statunitensi si riscontrano poi oltre 37 milioni di casi di ipertensione (che colpisce quindi un adulto su quattro) e più di venti milioni di emicranie così intense da richiedere assistenza medica.

Prima della seconda guerra mondiale, la maggior parte delle persone non viveva come oggi nell’angoscia e nel terrore, nel timore costante di venire assassinati per strada o annientati da una bomba atomica in un conflitto nucleare! Dopo la seconda guerra mondiale e l’inizio della corsa agli armamenti, sembra che quasi tutti abbiano abbandonato la fede in Dio, ossessionati dal terrore di qualche esplosione infernale.

Un’altra previsione riguardante il tempo della fine che è stata ovviamente adempiuta riguarda la popolarità e l’interesse nell’occultismo, nei fenomeni spirituali, nello spiritismo, nella demonologia e nella magia nera, che si sono diffusi nel mondo in proporzioni enormi e senza precedenti. “Lo Spirito dice espressamente che nei tempi a venire alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, per via dell’ipocrisia di uomini che proferiranno menzogne, segnati di un marchio nella propria coscienza” (1 Timoteo 4,1.2).

In questi ultimi giorni il Diavolo si sta veramente dando da fare. Ci sono molte strane religioni che attraggono oggi numerosi seguaci, soprattutto tra i giovani che, non trovando realtà spirituali nell’ipocrisia delle religioni dei loro genitori (anche i cosiddetti Cristiani), nella loro ricerca di una spiritualità sincera, di una religione vera e del soprannaturale, si danno al misticismo delle religioni antiche, insieme alle droghe e allo studio del mondo dello Spirito.

Se le persone respingono il Vangelo e rifiutano di ricevere la verità, la Parola di Dio dice che Egli stesso li farà cadere in grave inganno perchè credano ad una menzogna! (2 Tessalonicesi 2,10-12). Non rimane loro altro in cui credere, e sono quindi facili preda dei ciarlatani e dei falsi profeti. Ora, infatti, milioni di giovani che provengono da famiglie cosiddette cristiane seguono milioni di diversi falsi profeti moderni. “Molti falsi profeti sorgeranno e sedurranno molti” (Matteo 24,11).

Oltre a queste tattiche la cui origine diabolica è facilmente riconoscibile, il Diavolo recentemente ha usato un altro strumento attraverso il quale ha letteralmente ruggito il suo messaggio con forza e chiarezza, la musica d’oggi, l’hard rock, l’acid rock, il punk rock, ecc., che hanno ingannato soprattutto i giovani e li hanno condotti agli orrori della droga e dell’inferno! Gran parte di questa musica è letteralmente demoniaca, invoca i demoni e seduce le persone finchè esse cedono alla loro influenza! Gran parte dei suoi ritmi confusi, urlati da selvaggi, sono suoni d’orrore, rumori infernali, una musica da tortura (con mirati messaggi subliminali) prodotta da anime seviziate con menti tormentate che sta letteralmente facendo impazzire questa generazione!

“Quando queste cose cominceranno ad avvenire”, cioè quando ne vedrete anche solo gli inizi, “rialzatevi, levate il capo”, non scoraggiatevi, non tenetelo sguardo rivolto su queste cose, ma verso l’alto, “perchè la vostra redenzione è vicina!” (Luca 21,28). Quando tutti questi problemi inizieranno, tenete lo sguardo rivolto verso l’alto, perchè Gesù ritornerà presto! Lode al Signore! “Così anche voi, quando vedrete tutte queste cose, Io vi dico in verità che questa generazione non passerà prima che tutte queste cose siano avvenute!” (Matteo 24,33.34). Questa generazione in cui viviamo non passerà finchè tutte queste cose non saranno avvenute!

In altre parole, il sipario è stato aperto sull’ultimo atto del grande dramma di questo mondo, la recita è iniziata e non si può fermare! E’ impossibile! Tutti i segni indicano la fine! E’ quasi superfluo dire che il tempo della fine di cui parla la Parola di Dio sono i giorni in cui stiamo vivendo ora! Stiamo già vivendo nel tempo della fine. Presto saremo testimoni degli ultimi segni della fine del mondo che Gesù disse dopo, l’ascesa al potere di un dittatore mondiale totalmente opposto a Dio, conosciuto nella Bibbia con il nome di Anticristo o Bestia.

Sotto il suo governo, i Cristiani e i credenti di ogni fede religiosa soffriranno un’intensa persecuzione durante un periodo conosciuto come “Grande Tribolazione”. Poi, alla fine del regno dell’Anticristo, la Bibbia promette che Gesù Cristo ritornerà sulla terra e riscatterà i suoi figliuoli dalle grinfie di questo despota indemoniato! (Daniele 7,21.25; 8,23.24; Matteo 24,15.29-31).

Eppure sembra che la maggior parte delle persone non riesca mai a percepire l’imminenza di un disastro finchè non è troppo tardi! Mi ricorda quello che Gesù disse a qualcuno: “Sapete discernere l’aspetto del cielo, ma non arrivate a discernere i segni dei tempi?” (Matteo 16,3). La maggior parte della gente continua a vivere come sempre, come se niente fosse! Senza saperlo, anche in questo adempiono un’altra profezia biblica che dice: “Negli ultimi giorni verranno degli schernitori e diranno, ‘Dov’è la promessa della sua venuta? Perchè dal giorno in cui i padri si sono addormentati, tutte le cose continuano nel medesimo stato come dal principio della creazione!” (2 Pietro 3,3.4). In altre parole, “Non ci sono pericoli! Ordinaria amministrazione!”

Come Gesù disse a proposito dei tempi di Noè: “Si mangiava, si beveva, si prendeva moglie e si andava a marito, e di nulla si avvide la gente finchè venne il diluvio che portò via tutti quanti, così avverrà alla venuta del Figliuol d’uomo” (Matteo 24,37-39). La maggior parte delle persone oggi continua come se niente fosse: “Oh, hanno raccontato questa storia della venuta di Gesù per secoli, e non è ancora arrivato!”... Ma sta per arrivare presto e ti conviene esser pronto, credere in lui e vivere per lui, o potresti rimaner travolto dai terribili ed imminenti eventi della vera e propria fine del mondo!

Sei pronto? L’unica speranza è Gesù e non c’è altra via d’uscita! Gesù disse: “Io sono la Via, la Verità e la Vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giovanni 14,6). Gesù ti vuole bene e perdonerà tutti i tuoi peccati e ti darà il suo amore, la sua gioia e la sua pace se solo pregherai umilmente, chiedendogli di entrare nel tuo cuore! Ricevilo oggi stesso e preparati per la sua venuta, servendolo e parlando agli altri del suo amore!


link
Share:

“Una meteora cadrà e una nazione scomparirà”. Svelate le 12 profezie di Padre Pio

“Una meteora cadrà e una nazione scomparirà”. Svelate le 12 profezie di Padre Pio



La notizia l’abbiamo appresa dal quotidiano on-line retenews24.it e riguarda le profezie di Padre Pio. Queste profezie sono delle predizioni che parlano della fine dei tempi ed hanno molte similitudini con altre profezie della Madonna e con dei passi biblici. Non diffuse (solo pochissimi hanno deciso di renderle pubbliche) vengono
però ritenute da alcune persone soltanto dei falsi.
Vediamone il contenuto:

Rivelazioni Shock

L’ora dei castighi è vicina, ma manifesterò la Mia Misericordia. La vostra epoca sarà testimone di un terribile castigo. I Miei Angeli prenderanno cura spirituale di annientare tutti coloro che si burlano di Me e che non crederanno alle Mie profezie. Uragani di fuoco saranno scagliati dalle nuvole, e si estenderanno su tutta la Terra. Temporali, tempeste, tuoni e piogge ininterrotte, terremoti copriranno la terra durante tre giorni. Seguirà allora una pioggia di fuoco ininterrotta, per dimostrare che Dio è Signore della creazione.
Coloro che sperano e credono nella Mia Parola non dovranno temere, nè dovranno temere nulla coloro che divulgheranno il Mio messaggio, perchè non li abbandonerò.

padre pio2
Nessun male sarà fatto a coloro che sono nelle Mie Grazie, e che cercheranno la protezione della Madre Mia.
Per prepararvi a questa prova, vi darò dei segni e delle istruzioni.
La notte sarà freddissima, il vento spunterà, il tuono si farà sentire.
Chiudete tutte le porte e tutte le finestre. Non parlate con nessuno di fuori. Inginocchiatevi davanti al vostro Crocifisso; pentitevi dei vostri peccati; pregate Mia Madre di ottenere la Sua protezione.
Non guardate fuori durante il terremoto, perchè l’ira del Padre Mio è santa, non sopportereste la vista della Sua ira…
Nella terza notte cesseranno i terremoti ed il fuoco, ed il giorno dopo il sole risplenderà di nuovo.
Gli Angeli scenderanno dal cielo e porteranno sulla Terra lo spirito della pace. Un terzo dell’ umanità perirà…
Messaggi profetici di Padre Pio (Tratti dal libro “I grandi Profeti” di Renzo Baschera)

Il mondo sta andando verso la rovina. Gli uomini hanno abbandonato la giusta strada, per avventurarsi in viottoli che finiscono nel deserto della violenza… Se non ritorneranno subito ad abbeverarsi alla fonte dell’umiltà, della carità e dell’amore, sarà la catastrofe.

Verranno cose tremende. Io non riesco più a intercedere per gli uomini. La pietà divina sta per finire. L’uomo era stato creato per amare la vita, ed è finito per distruggere la vita…

Quando il mondo è stato affidato all’uomo era un giardino. L’uomo lo ha trasformato in un rovaio pieno di veleni. Nulla serve ormai per purificare la casa dell’uomo. È necessaria un’opera profonda, che può venire solo dal cielo.

Preparatevi a vivere tre giorni al buio totale. Questi tre giorni sono molto vicini… E in questi giorni rimarrete come morti, senza mangiare e senza bere. Poi tornerà la luce. Ma molti saranno gli uomini che non la vedranno più.

Molta gente scapperà sconvolta. Ma correrà senza avere una meta. Diranno che a oriente c’è la salvezza e la gente correrà verso oriente, ma cadrà in un dirupo. Diranno che a occidente c’è la salvezza e la gente correrà verso occidente, ma cadrà in una fornace.

La terra tremerà e il panico sarà grande… La terra è malata. Il terremoto sarà come un serpente: lo sentirete strisciare da tutte le parti. E molte pietre cadranno. E molti uomini periranno.

Siete come formiche, perchè verrà il tempo in cui gli uomini si toglieranno gli occhi per una briciola di pane. I negozi saranno saccheggiati, i magazzini saranno presi d’assalto e distrutti. Povero sarà colui che in quei giorni tenebrosi si troverà senza una candela, senza una brocca d’acqua e senza il necessario per tre mesi.

Scomparirà una terra… una grande terra. Un paese sarà cancellato per sempre dalle carte geografiche… E con lui verrà trascinata nel fango la storia, la ricchezza e gli uomini.

L’amore dell’uomo per l’uomo è diventato una vuota parola. Come potete pretendere che Gesù vi ami, se voi non sapete amare nemmeno quelli che mangiano alla stessa vostra tavola?… Dall’ira di Dio non saranno risparmiati gli uomini di scienza, ma gli uomini di cuore.
10°
Sono disperato… non so più che cosa fare perchè l’umanità si ravveda. Se continuerà su questa strada, l’ira tremenda di Dio si scatenerà come un fulmine tremendo.
11°
Una meteora cadrà sulla terra e tutto sussulterà. Sarà un disastro, molto peggiore di una guerra. Molte cose saranno cancellate. E questo sarà uno dei segni…
12°
Gli uomini vivranno una tragica esperienza. Molti verranno travolti del fiume, molti verranno inceneriti dal fuoco, molti verranno sepolti dai veleni… Ma io rimarrò vicino ai puri di cuore.
Maggio sarà un mese tragico. L’arcangelo Michele e l’arcangelo Gabriele sono lieti di annunciarvi la venuta di vostro fratello in Cristo, Padre Pio.


link
tratto da
Share:

SORPRENDENTI PREVISIONI DA UN TRATTATO DEL XIII SECOLO





Nel 1225 il teologo inglese Roberto Grossatesta scrive De Luce, un testo in cui sono preconizzate alcune idee che stanno alla base della moderna cosmologia. Alcuni ricercatori hanno provato a tradurre in equazioni quelle idee, dimostrando che sono addirittura compatibili con le attuali teorie sull'esistenza di universi multipli.
Chi l’avrebbe detto che in pieno Medioevo, periodo storico non certo aperto alla scienza, sarebbero stati gettati, seppur involontariamente, i semi di una delle teorie oggi più avanzata e dibattuta sull’evoluzione del cosmo, ovvero quella che prevede l’esistenza di più universi?

Rivelazioni Shock

Quando le ‘streghe’ venivano bruciate come fossero fiammiferi e i più eminenti dotti giuravano e spergiuravano che la Terra fosse al centro dell’Universo, fulcro di quella ordinatissima e perfettissima armonia celeste, il teologo inglese Roberto Grossatesta scriveva il trattato De Luce (La Luce). Era il 1225 quando Grossatesta, che aveva studiato le opere recentemente riscoperte di Aristotele sul moto delle stelle e della Terra in una serie di nove sfere concentriche, propone nel suo scritto l’idea di un universo iniziato con un lampo di luce. Questo lampo avrebbe spinto tutta la materia verso l’esterno, da un piccolo punto fino a trasformarla in una grandissima sfera. Questa analogia vi ricorda qualcosa? Ma sì, è sorprendente moderna, assai vicina al concetto che sta alla base della ben nota teoria del Big Bang.
Una simile visione, o meglio previsione, annidata nel paludato latino del De Luce, non poteva certo lasciare indifferenti anche qualcuno dei ricercatori del nostro XXI secolo, e così è stato. Tom McLeish , fisico presso la Durham University nel Regno Unito, aiutato da alcuni colleghi ha provato a ‘tradurre’ le speculazioni di Grossatesta dalla lingua di Cicerone a quella della matematica contemporanea, fatta di simboli, equazioni differenziali e complessi metodi di approssimazioni numeriche, per vedere a quali risultati avrebbero portato.
“Abbiamo cercato di scrivere in termini matematici quello che il teologo ha detto con parole latine”, dice McLeish. “Abbiamo così a disposizione una serie di equazioni, che possono essere inserite nei computer e risolte. Stiamo esplorando con il solo ausilio della matematica un nuovo tipo di universo, che poi è proprio quello che i fisici teorici delle stringhe fanno a tempo pieno. Possiamo considerarci dei teorici delle stringhe medievali”.
Nell’universo di Grossatesta luce e materia sono accoppiati insieme. Quando dall’impulso iniziale la loro espansione raggiunge una densità minima, entra in quello che viene definito uno stato perfetto e cessa e il il processo di accrescimento si arresta. Questa sfera perfetta emette allora una nuova forma di luce chiamata lumen, che invece si propaga verso l’interno, ‘purificando la materia imperfetta dentro la sfera e comprimendola, fino a che raggiunge anch’essa uno stato ideale e a sua volta diventa sorgente di lumen. Andando a ritroso, il processo prosegue e lascia come unico ‘residuo’ di materia imperfetta da cui, guarda caso, si è generata proprio la Terra.
Di certo a Grossatesta non sfiorò nemmeno l’idea di poter essere considerato un lontano precursore delle moderne teorie cosmologiche, addirittura fino a sottintendere la possibilità dell’esistenza di universi multipli. “Ovviamente non poteva neanche immaginare che nella sua visione del cosmo si possono arrangiare tanti multiversi”, continua McLeish. “Ma tra ottocento anni che cosa dirà la gente delle ipotesi che stiamo facendo oggi?”


Fonte
tratto da
Share:

Le profezie della Beata Anna Caterina Emmerich


Le profezie della Beata Anna Caterina Emmerich


“Vidi anche il rapporto tra i due papi… Vidi quanto sarebbero state nefaste le conseguenze di questa falsa chiesa. L’ho veduta aumentare di dimensioni; eretici di ogni tipo venivano nella città [di Roma]. Il clero locale diventava tiepido, e vidi una grande oscurità… Allora la visione sembrò estendersi da ogni parte. Intere comunità cattoliche erano oppresse, assediate, confinate e private della loro libertà. Vidi molte chiese che venivano chiuse, dappertutto grandi sofferenze, guerre e spargimento di sangue. Una plebaglia selvaggia e ignorante si dava ad azioni violente. Ma tutto ciò non durò a lungo”. (13 maggio 1820)
“Vidi ancora una volta che la Chiesa di Pietro era minata da un piano elaborato dalla setta segreta, mentre le bufere la stavano danneggiando. Ma vidi anche che l’aiuto sarebbe arrivato quando le afflizioni avrebbero raggiunto il loro culmine. Vidi di nuovo la Beata Vergine ascendere sulla Chiesa e stendere il suo manto su di essa. Vidi un Papa che era mite e al tempo stesso molto fermo… Vidi un grande rinnovamento e la Chiesa che si librava in alto nel cielo”.

Rivelazioni Shock

“Vidi una strana chiesa che veniva costruita contro ogni regola… Non c’erano angeli a vigilare sulle operazioni di costruzione. In quella chiesa non c’era niente che venisse dall’alto… C’erano solo divisioni e caos. Si tratta probabilmente di una chiesa di umana creazione, che segue l’ultima moda, così come la nuova chiesa eterodossa di Roma, che sembra dello stesso tipo…”. (12 settembre 1820)
“Ho visto di nuovo la strana grande chiesa che veniva costruita là [a Roma]. Non c’era niente di santo in essa. Ho visto questo proprio come ho visto un movimento guidato da ecclesiastici a cui contribuivano angeli, santi ed altri cristiani. Ma là [nella strana chiesa] tutto il lavoro veniva fatto meccanicamente. Tutto veniva fatto secondo la ragione umana… Ho visto ogni genere di persone, cose, dottrine ed opinioni.
C’era qualcosa di orgoglioso, presuntuoso e violento in tutto ciò, ed essi sembravano avere molto successo. Io non vedevo un solo angelo o un santo che aiutasse nel lavoro. Ma sullo sfondo, in lontananza, vidi la sede di un popolo crudele armato di lance, e vidi una figura che rideva, che disse: “Costruitela pure quanto più solida potete; tanto noi la butteremo a terra”". (12 settembre 1820)
“Ebbi una visione del santo Imperatore Enrico. Lo vidi di notte, da solo, in ginocchio ai piedi dell’altare principale in una grande e bellissima chiesa… e vidi la Beata Vergine venire giù da sola. Ella stese sull’altare un panno rosso coperto con lino bianco, vi pose un libro intarsiato con pietre preziose e accese le candele e la lampada perpetua…

Allora venne il Salvatore in persona vestito con l’abito sacerdotale…

La Messa era breve. Il Vangelo di San Giovanni non veniva letto alla fine. Quando la Messa fu terminata, Maria si diresse verso Enrico e stese la sua mano destra verso di lui dicendo che questo era in riconoscimento della sua purezza. Allora lo esortò a non avere esitazioni. Dopo di ciò vidi un angelo, esso toccò il tendine della sua anca, come Giacobbe. Enrico provava grande dolore, e dal quel giorno camminò zoppicando…“. (12 luglio 1820)
“Vedo altri martiri, non ora ma in futuro… Vidi le sette segrete minare spietatamente la grande Chiesa. Vicino ad esse vidi una bestia orribile che saliva dal mare… In tutto il mondo le persone buone e devote, e specialmente il clero, erano vessate, oppresse e messe in prigione. Ebbi la sensazione che sarebbero diventate martiri un giorno.
Quando la Chiesa per la maggior parte era stata distrutta e quando solo i santuari e gli altari erano ancora in piedi, vidi entrare nella Chiesa i devastatori con la Bestia. Là essi incontrarono una donna di nobile contegno che sembrava portare nel suo grembo un bambino, perché camminava lentamente. A questa vista i nemici erano terrorizzati e la Bestia non riusciva a fare neanche un altro passo in avanti. Essa proiettò il suo collo verso la Donna come per divorarla, ma la Donna si voltò e si prostrò [in segno di sottomissione a Dio; N.d.R.], con la testa che toccava il suolo.
Allora vidi la Bestia che fuggiva di nuovo verso il mare, e i nemici stavano scappando nella più grande confusione… Poi vidi, in grande lontananza, grandiose legioni che si avvicinavano. Davanti a tutti vidi un uomo su un cavallo bianco. I prigionieri venivano liberati e si univano a loro. Tutti i nemici venivano inseguiti. Allora, vidi che la Chiesa veniva prontamente ricostruita, ed era magnifica più di prima”. (Agosto-ottobre 1820)
“Vedo il Santo Padre in grande angoscia. Egli vive in un palazzo diverso da quello di prima e vi ammette solo un numero limitato di amici a lui vicini. Temo che il Santo Padre soffrirà molte altre prove prima di morire. Vedo che la falsa chiesa delle tenebre sta facendo progressi, e vedo la tremenda influenza che essa ha sulla gente. Il Santo Padre e la Chiesa sono veramente in una così grande afflizione che bisognerebbe implorare Dio giorno e notte”. (10 agosto 1820)
“La scorsa notte sono stata condotta a Roma dove il Santo Padre, immerso nel suo dolore, è ancora nascosto per evitare le incombenze pericolose. Egli è molto debole ed esausto per i dolori, le preoccupazioni e le preghiere. Ora può fidarsi solo di poche persone; è principalmente per questa ragione che deve nascondersi. Ma ha ancora con sé un anziano sacerdote di grande semplicità e devozione. Egli è suo amico, e per la sua semplicità non pensavano valesse la pena toglierlo di mezzo.
Ma quest’uomo riceve molte grazie da Dio. Vede e si rende conto di molte cose che riferisce fedelmente al Santo Padre. Mi veniva chiesto di informarlo, mentre stava pregando, sui traditori e gli operatori di iniquità che facevano parte delle alte gerarchie dei servi che vivevano accanto a lui, così che egli potesse avvedersene”.
“Non so in che modo la scorsa notte sono stata portata a Roma, ma mi sono trovata vicino alla chiesa di Santa Maria Maggiore, e ho visto tanta povera gente che era molto afflitta e preoccupata perché il Papa non si vedeva da nessuna parte, e anche per via dell’inquietudine e delle voci allarmanti in città.
La gente sembrava non aspettarsi che le porte della chiesa si aprissero; essi volevano solo pregare fuori. Una spinta interiore li aveva condotti là. Ma io mi trovavo nella chiesa e aprii le porte. Essi entrarono, sorpresi e spaventati perché le porte si erano aperte. Mi sembrò che fossi dietro la porta e che loro non potessero vedermi. Non c’era alcun ufficio aperto nella chiesa, ma le lampade del Santuario erano accese. La gente pregava tranquillamente.
Poi vidi un’apparizione della Madre di Dio, che disse che la tribolazione sarebbe stata molto grande. Aggiunse che queste persone devono pregare ferventemente… Devono pregare soprattutto perché la chiesa delle tenebre abbandoni Roma”. (25 agosto 1820)
“Vidi la Chiesa di San Pietro: era stata distrutta ad eccezione del Santuario e dell’Altare principale. San Michele venne giù nella chiesa, vestito della sua armatura, e fece una pausa, minacciando con la spada un certo numero di indegni pastori che volevano entrare. Quella parte della Chiesa che era stata distrutta venne prontamente recintata… così che l’ufficio divino potesse essere celebrato come si deve. Allora, da ogni parte del mondo vennero sacerdoti e laici che ricostruirono i muri di pietra, poiché i distruttori non erano stati capaci di spostare le pesanti pietre di fondazione”. (10 settembre 1820)
“Vidi cose deplorevoli: stavano giocando d’azzardo, bevendo e parlando in chiesa; stavano anche corteggiando le donne. Ogni sorta di abomini venivano perpetrati là. I sacerdoti permettevano tutto e dicevano la Messa con molta irriverenza. Vidi che pochi di loro erano ancora pii, e solo pochi avevano una sana visione delle cose. Vidi anche degli ebrei che si trovavano sotto il portico della chiesa. Tutte queste cose mi diedero tanta tristezza”. (27 settembre 1820)
“La Chiesa si trova in grande pericolo. Dobbiamo pregare affinché il Papa non lasci Roma; ne risulterebbero innumerevoli mali se lo facesse. Ora stanno pretendendo qualcosa da lui. La dottrina protestante e quella dei greci scismatici devono diffondersi dappertutto. Ora vedo che in questo luogo la Chiesa viene minata in maniera così astuta che rimangono a mala pena un centinaio di sacerdoti che non siano stati ingannati. Tutti loro lavorano alla distruzione, persino il clero. Si avvicina una grande devastazione”. (1 ottobre 1820)
“Quando vidi la Chiesa di San Pietro in rovina, e il modo in cui tanti membri del clero erano essi stessi impegnati in quest’opera di distruzione – nessuno di loro desiderava farlo apertamente davanti agli altri -, ero talmente dispiaciuta che chiamai Gesù con tutta la mia forza, implorando la Sua misericordia. Allora vidi davanti a me lo Sposo Celeste ed Egli mi parlò per lungo tempo…
Egli disse, fra le altre cose, che questo trasferimento della Chiesa da un luogo ad un altro significava che essa sarebbe sembrata in completo declino. Ma sarebbe risorta. Anche se rimanesse un solo cattolico, la Chiesa vincerebbe di nuovo perché non si fonda sui consigli e sull’intelligenza umani. Mi fece anche vedere che non era rimasto quasi nessun cristiano, nell’antico significato della parola”. (4 ottobre 1820)
“Mentre attraversavo Roma con San Francesco e altri santi, vedemmo un grande palazzo avvolto dalle fiamme, da cima a fondo. Avevo tanta paura che gli occupanti potessero morire bruciati perché nessuno si faceva avanti per spegnere il fuoco. Tuttavia, mentre ci avvicinavamo il fuoco diminuì e noi vedemmo un edificio annerito. Attraversammo un gran numero di magnifiche stanze, e finalmente raggiungemmo il Papa. Era seduto al buio e addormentato su una grande poltrona. Era molto ammalato e debole; non riusciva più a camminare.
Gli ecclesiastici nella cerchia interna sembravano insinceri e privi di zelo; non mi piacevano. Parlai al Papa dei vescovi che presto dovevano essere nominati. Gli dissi anche che non doveva lasciare Roma. Se l’avesse fatto sarebbe stato il caos. Egli pensava che il male fosse inevitabile e che doveva partire per salvare molte cose… Era molto propenso a lasciare Roma, e veniva esortato insistentemente a farlo…
La Chiesa è completamente isolata ed è come se fosse completamente deserta. Sembra che tutti stiano scappando. Dappertutto vedo grande miseria, odio, tradimento, rancore, confusione e una totale cecità. O città! O città! Cosa ti minaccia? La tempesta sta arrivando; sii vigile!”. (7 ottobre 1820)
“Ho anche visto le varie regioni della terra. La mia Guida [Gesù] nominò l’Europa e, indicando una regione piccola e sabbiosa, espresse queste sorprendenti parole: “Ecco la Prussia, il nemico”. Poi mi mostrò un altro luogo, a nord, e disse: “questa è Moskva, la terra di Mosca, che porta molti mali”. (1820-1821)
“Fra le cose più strane che vidi, vi erano delle lunghe processioni di vescovi. Mi vennero fatti conoscere i loro pensieri e le loro parole attraverso immagini che uscivano dalle loro bocche. Le loro colpe verso la religione venivano mostrate attraverso delle deformità esterne. Alcuni avevano solo un corpo, con una nube scura al posto della testa. Altri avevano solo una testa, i loro corpi e i cuori erano come densi vapori. Alcuni erano zoppi; altri erano paralitici; altri ancora dormivano oppure barcollavano”. (1 giugno 1820)
“Quelli che vidi credo che fossero quasi tutti i vescovi del mondo, ma solo un piccolo numero era perfettamente retto. Vidi anche il Santo Padre – assorto nella preghiera e timoroso di Dio. Non c’era niente che lasciasse a desiderare nella sua apparenza, ma era indebolito dall’età avanzata e da molte sofferenze. La testa pendeva da una parte all’altra, e cadeva sul petto come se si stesse addormentando. Egli aveva spesso svenimenti e sembrava che stesse morendo. Ma quando pregava era spesso confortato da apparizioni dal Cielo. In quel momento la sua testa era dritta, ma non appena la faceva cadere sul petto vedevo un certo numero di persone che guardavano rapidamente a destra e a sinistra, cioè in direzione del mondo.
Poi vidi che tutto ciò che riguardava il Protestantesimo stava prendendo gradualmente il sopravvento e la religione cattolica stava precipitando in una completa decadenza. La maggior parte dei sacerdoti erano attratti dalle dottrine seducenti ma false di giovani insegnanti, e tutti loro contribuivano all’opera di distruzione.
In quei giorni, la Fede cadrà molto in basso, e sarà preservata solo in alcuni posti, in poche case e in poche famiglie che Dio ha protetto dai disastri e dalle guerre”. (1820)
“Vedo molti ecclesiastici che sono stati scomunicati e che non sembrano curarsene, e tantomeno sembrano averne coscienza. Eppure, essi vengono scomunicati quando cooperano (sic) con imprese, entrano in associazioni e abbracciano opinioni su cui è stato lanciato un anatema. Si può vedere come Dio ratifichi i decreti, gli ordini e le interdizioni emanate dal Capo della Chiesa e li mantenga in vigore anche se gli uomini non mostrano interesse per essi, li rifiutano o se ne burlano”. (1820-1821)
“Vidi molto chiaramente gli errori, le aberrazioni e gli innumerevoli peccati degli uomini. Vidi la follia e la malvagità delle loro azioni, contro ogni verità e ogni ragione. Fra questi c’erano dei sacerdoti e io con piacere sopportavo le mie sofferenze affinché essi potessero ritornare ad un animo migliore”. (22 marzo 1820)
“Ho avuto un’altra visione della grande tribolazione. Mi sembrava che si pretendesse dal clero una concessione che non poteva essere accordata. Vidi molti sacerdoti anziani, specialmente uno, che piangevano amaramente. Anche alcuni più giovani stavano piangendo. Ma altri, e i tiepidi erano fra questi, facevano senza alcuna obiezione ciò che gli veniva chiesto. Era come se la gente si stesse dividendo in due fazioni”. (12 aprile 1820)
“Vidi un nuovo Papa che sarà molto rigoroso. Egli si alienerà i vescovi freddi e tiepidi. Non è un romano, ma è italiano. Proviene da un luogo che non è lontano da Roma, e credo che venga da una famiglia devota e di sangue reale. Ma per qualche tempo dovranno esserci ancora molte lotte e agitazioni”. (27 gennaio 1822)
“Verranno tempi molto cattivi, nei quali i non cattolici svieranno molte persone. Ne risulterà una grande confusione. Vidi anche la battaglia. I nemici erano molto più numerosi, ma il piccolo esercito di fedeli ne abbatté file intere [di soldati nemici]. Durante la battaglia, la Madonna si trovava in piedi su una collina, e indossava un’armatura. Era una guerra terribile. Alla fine, solo pochi combattenti per la giusta causa erano sopravvissuti, ma la vittoria era la loro”. (22 ottobre 1822)
“Vidi che molti pastori si erano fatti coinvolgere in idee che erano pericolose per la Chiesa. Stavano costruendo una Chiesa grande, strana, e stravagante. Tutti dovevano essere ammessi in essa per essere uniti ed avere uguali diritti: evangelici, cattolici e sette di ogni denominazione. Così doveva essere la nuova Chiesa… Ma Dio aveva altri progetti”. (22 aprile 1823)
“Vorrei che fosse qui il tempo in cui regnerà il Papa vestito di rosso. Vedo gli apostoli, non quelli del passato ma gli apostoli degli ultimi tempi e mi sembra che il Papa sia fra loro.”
“Nel centro dell’inferno ho visto un abisso buio e dall’aspetto orribile e dentro di esso era stato gettato Lucifero, dopo essere stato assicurato saldamente a delle catene…Dio stesso aveva decretato questo; e mi è stato anche detto, se ricordo bene, che egli verrà liberato per un certo periodo cinquanta o sessanta anni prima dell’anno di Cristo 2000. Mi vennero indicate le date di molti altri eventi che non riesco a ricordare; ma un certo numero di demoni dovranno essere liberati molto prima di Lucifero, in modo che tentino gli uomini e servano come strumenti della vendetta divina.”
“Un uomo dal viso pallido fluttuava lentamente al di sopra della terra e, sciogliendo i drappi che avvolgevano la sua spada, li gettò sulle città addormentate, che vennero legate da questi. Questa figura gettò la pestilenza sulla Russia, l’Italia e la Spagna. Attorno a Berlino vi era un fiocco rosso e da lì venne in Westfalia. Ora la spada dell’uomo era sguainata, strisce rosse come il sangue pendevano dall’impugnatura e il sangue che grondava da questa cadeva sulla Westfalia “.

“Gli ebrei ritorneranno in Palestina e diverranno cristiani verso la fine del mondo.”

Note:

1) Per secoli, prima della riforma liturgica del 1967, la Santa Messa si concludeva abitualmente (salvo rare eccezioni) con la lettura del Vangelo di Giovanni. 2) Questa è una delle numerose profezie in cui si dice che il Grande Monarca avrà un problema ad una gamba che lo farà zoppicare. 3) La visione di Suor Emmerich della chiesa di San Pietro in rovine è da intendersi certamente in senso figurato, l’immagine della distruzione delle mura di San Pietro rappresenta gli attacchi alla Fede e la decadenza della Chiesa che avranno luogo prima del suo più grande trionfo durante l’Era di Pace. Tuttavia, basandoci sulle numerose profezie che parlano di una futura distruzione di Roma, non si può escludere che anche il Vaticano in quest’occasione subirà pesanti danni materiali e devastazioni. 4) Qui probabilmente si allude alla battaglia della Westfalia, menzionata in molte profezie. In alcune di queste profezie si fa riferimento a questa regione della Germania col nome di “paese della betulla”.

link

Share:

L’ultima profezia: la morte di Sharon e l’avvento del Messia

L’ultima profezia: la morte di Sharon e l’avvento del Messia




La morte di Ariel Sharon, che si è spento a 85 anni dopo gli otto trascorsi in coma in seguito ad un ictus, un eroe, per gli Israeliani; un assassino, per i Palestinesi. Non è certo questo il contesto nel quale discutere del suo operato- come militare, come politico, come uomo. Ma ne parliamo per una profezia che appare legata alla sua morte e che riguarderebbe addirittura il Messia.
RABBI YITZHAK KADURI.

Rivelazioni Shock

Ad accostare il nome di Sharon all’avvento dell’Unto del Signore che gli Ebrei attendono da millenni è stato Rabbi Yitzhak Kaduri, esperto cabalista e maestro della Torah morto nel gennaio del 2006 all’età presunta di 108 anni. Verso la fine della sua esistenza, il rabbino- venerato come un Tzadik, un grande saggio- più volte parlò in pubblico del Messia e del suo arrivo imminente....
Share:

LA PROFEZIA DI MALACHIA: "DOPO RATZINGER L'ULTIMO PAPA, POI LA FINE DEL MONDO"

LA PROFEZIA DI MALACHIA: "DOPO RATZINGER



L'ULTIMO PAPA, POI LA FINE DEL MONDO


La profezia di Malachia è composta da una lista di 111, o 112 a seconda delle versioni, brevi frasi redatte in latino, indicanti altrettanti pontefici. Secondo molti studiosi si tratta di una vera e propria premonizione attribuita a San Malachia di Armagh, circa l'apocalisse

Rivelazioni Shock

Share:

Da Nostradamus ai Maya, tutte le previsioni sulla fine del mondo




Da Nostradamus ai Maya, tutte le previsioni sulla fine del mondo

Da quella di Bernardo di Turingia che fissava l’ultimo giorno nell’anno 992, passando per Nostradamus, fino all’ultima, quella dei Maya che pone come limite ultimo la data del 21 dicembre 2012 (tra poco piu’ di un mese), sono tantissime le profezie sulla fine del mondo, un tema al quale ha fatto in qualche modo riferimento oggi il papa. Bernardo di Turingia e’ stato, secondo alcuni testi, il primo profeta ad aver ipotizzato la fine del mondo.

Rivelazioni Shock

Secondo la sua profezia nel 992, il giorno corrispondente a quello in cui era avvenuto il concepimento di Gesu’, il 25 marzo, coincideva con la ricorrenza della sua morte, ossia il Venerdi’ Santo.
Share:

LE PROFEZIE DI SAN MALACHIA






LE PROFEZIE DI SAN MALACHIA  

                                                                                           
Non sappiamo a quando risalga con esattezza e da chi sia stata realmente scritta la famosa "Profezia dei Papi", nota anche come Profezia di San Malachia, in quanto attribuita al monaco cistercense irlandese Malachia, che l'avrebbe scritta in epoca medioevale (intorno al 1140), ma è certo che è stata pubblicata per la prima volta nel 1595 dal benedettino Arnold Wion nel suo libro Lignum vitae.

Rivelazioni Shock

Il Santo irlandese Malachia nella Profezia indica una lista - che avrebbe visto in sogno - dei Papi che si sarebbero succeduti a partire dal 1143 fino alla fine dei giorni. Ma non li indica con nome e cognome, bensì con 111 brevi motti in latino corrispondenti ad altrettanti Papi, mentre sotto il 111° motto vi è un'inquietante frase: "In persecutione extrema sacrae romanae ecclesiae sedebit Petrus romanus, qui pascet oves in multis tribulationibus; quibi transactis, civitas septis collis diruetur, ed Judex tremendus judicabit populum suum. Amen."

Share:

Circa 41.000 anni fa il campo magnetico terrestre si invertì molto rapidamente




Circa 41.000 anni fa il campo magnetico terrestre si invertì molto rapidamente


Circa 41 mila anni fa, il campo magnetico terrestre subi’ un’inversione completa. A rivelarlo alcuni scienziati dell’Helmholtz Center Potsdam – GFZ German Research Center for Geosciences, che hanno sottolineato che la caratteristica piu’ inolita del fenomeno e’ stata la sua velocita’. ”La geometria del campo magnetico di polarita’ invertita, cob linee di campo che puntano nella direzione opposta rispetto alla configurazione attuale, e’ durata solo 440 anni, ed e’ stata associata con una intensita’ di campo che era solo un quarto di quella attuale”, ha spiegato Norbert Nowaczyk, che ha collaborato allo studio.

Rivelazioni Shock

La maggior parte delle inversioni di campo magnetico che ha vissuto storicamente la Terra sono durate fra 1000 e 10 mila anni. Durante l’inversione di 41 mila anni fa, il magnetismo terrestre ebbe un calo di intensita’ notevole, portandosi a solo il 25 per cento di quello attuale. Questo, secondo i ricercatori, porto’ la Terra a essere quasi completamente prima del suo scudo protettivo contro i danni dei raggi cosmici, e quindi a essere esposta in modo notevole alle radiazioni.

Fonte

Share:

Campo magnetico e “fine del mondo”.



Campo magnetico e “fine del mondo”:


I sedimenti del Mar Nero hanno permesso di studiare l'inversione magnetica di 41.000 anni fa, dove sono arrivate le polveri del Vesuvio di 39.500 anni fa e le anomalie climatiche dell'Asia[/caption]

Secondo i sostenitori della “fine del mondo” – che dovrebbe avvenire il 21.12.2012 – una delle cause del fenomeno potrebbe essere un’improvvisa inversione del campo magnetico che manderà il tilt il nostro nucleo terrestre. [La bufala della fine del mondo]

Rivelazioni Shock

Questa ipotesi la possiamo escludere al 1000 per 1000, tuttavia il problema dell’inversione del campo magnetico, ossia del modo con il quale esso avviene e delle conseguenze che può avere sulla vita del pianeta, non è ancora stato spiegato nei dettagli. Ma ora un po’ di nuova luce è stata gettata grazie ad uno studio realizzato dal GTZ German Research Centre for Geosceinces sui sedimenti estratti dal fondo del Mar Nero.

L’inversione dell’era glaciale

Risulta infatti, che 41.000 anni fa, in piena era glaciale, la Terra ebbe un’inversione del campo magnetico, le cui caratteristiche sono state messe in luce con una certa chiarezza. Quando si parla di “inversione del campo magnetico” significa che nel periodo di inversione se fosse esistita la bussola essa avrebbe indicato il Polo Nord magnetico dove oggi c’è il Polo Sud. Inversioni di questo tipo sono sempre avvenute nel passato o almeno si è certi che si sono verificate con una certa frequenza nell’ultimo miliardo di anni. [Quando la Terra era una palla di ghiaccio - Multimedia]

Inversione rapida, ma int ermini geologici

La domanda però alla quale i geologi non sono mai riusciti a dare una risposta precisa è la seguente: in quanto tempo si verifica l’inversione? In poche ore? O ci voglionodecenni, secoli o millenni? Secondo i più l’inversione avverrebbe nell’arco di alcuni millenni. L’inversione è veloce Ma stando a quanto trovato sul fondo del Mar Nero “l’inversione avrebbe richiesto non più di 250 anni, un’inezia in termini geologici”, spiega Norbert Nowaczyk che ha realizzato i recenti studi. Durante quel periodo il campo magnetico terrestre aveva un’intensità che non superava il 5% di quella dei nostri giorni. “Ciò significa –continua il ricercatore- che il nostro pianeta aveva perso quasi completamente la protezione che offre il campo magnetico nei confronti dei raggi cosmici e questo determinò una forte esposizione alle radiazioni che arrivano dallo spazio”.
Questa deduzione è testimoniata dalla presenza del Berillio 10, un elemento radioattivo trovato nei sedimenti del Mar Nero e in quelli dei ghiacci della Groenlandia, il quale si forma dall’impatto dei raggi cosmici con alcuni elementi presenti nell’atmosfera. L’inversione magnetica in questione era già stata rilevata nel Massiccio Centrale della Francia, ma non si era capito -fino ad oggi- se essa fosse una situazione locale o planetaria. Avendo trovato testimonianza della sua esistenza anche nel Mar Nero è evidente che essa fu universale.

Durò poco

L’inversione in questione durò per non più di 440 anni, durante i quali il campo magnetico aveva un’intensità del 25% rispetto a quella attuale, dopo di ché con la medesima velocità con la quale si era invertito, il Polo Nord magnetico riprese la sua attuale posizione.
Cosa significa tutto questo? Innanzi tutto ci siamo fattiun’idea che l’inversione del campo magnetico può essere veloce e che può essere preceduta da una forte diminuzione dell’intensità del campo magnetico stesso. Detto questo guardiamo un attimo alla situazione attuale: dal 1800(grosso modo) ad oggi il campo magnetico sta notevolmentediminuendo d’intensità, anche se non ai livelli in cui scese 41.000 anni fa. Potrebbe voler dire che la prossima inversione è vicina? Non è da escludere, ma certo non entro il 21 dicembre 2012, un po’ più in là forse. Altre scoperte Un’ultima cosa: lo studio dei sedimenti del Mar Nero ha permesso anche di evidenziare che la polvere dell’eruzione delVesuvio avvenuta 39.500 anni fa arrivò fino all’Asia e che 41.000 anni fa l’Asia stessa subi profondi cambiamenti climatici.

Fonte: http://blog.focus.it/effetto-terra/2012/10/17/campo-magnetico-e-fine-del-mondo-nuovi-dati/

Share:

Le profezie Hopi:”Il Popolo delle Nuvole sta tornando”


































Le profezie Hopi:”Il Popolo delle Nuvole sta tornando”


21 dicembre 2012. La data fatidica che i Maya avrebbero indicato come giorno della fine del mondo si avvicina. Se ne sente parlare ormai da mesi, in modo a volte quasi ossessivo.
Eppure, il misterioso popolo del Centroamerica non è l’unico ad aver predetto un simile evento di portata planetaria in concomitanza con il ritorno degli Dei.

Rivelazioni Shock

Ne sono piene anche le tradizioni dei Nativi Americani- i Pellerossa, per intenderci.
“È vero, ce ne sono molte e sono relative soprattutto agli Hopi, una tribù del sud-ovest americano.
Gli Hopi hanno ricevuto questi insegnamenti, scolpiti su roccia, da un ‘kachina’- per loro i kachinas sono i ‘grandi maestri’ – detto Kachina Massau , una sorta di avatar che scende sulla Terra e dona loro un corpo profetico diviso in due tronconi, uno che riguarda il popolo Hopi e uno che riguarda l’intera umanità.
Share:

Ultimi Crop Circles di Luglio: arrivano i rettiliani?



Ultimi Crop Circles di Luglio: arrivano i rettiliani?

Presentiamo gli ultimi Cerchi nel Grano comparsi nelle campagne inglesi negli ultimi giorni di questo caldo luglio 2012. All'inizio della stagione dei Cerchi nel Grano 2012, il fenomeno sembrava essere in forte diminuzione. Poi, le numerose formazioni comparse hanno fatto ricredere anche i più scettici, dimostrando che il fenomeno è vivo e vegeto e che diventa sempre più complesso.

Rivelazioni Shock

Dei molti pittogrammi, vi presentiamo quelli che a nostro avviso sembrano essere i più interessanti, anche per i messaggi che sembrano emergere dalle analisi. Pare che stiano arrivando i rettiliani...

Share:

Cerchi nel Grano della fine di luglio 2012 - Cosa deve succedere?

Cerchi nel Grano della fine di luglio 2012 - Cosa deve succedere?

La stagione dei Cerchi nel Grano 2012 è praticamente entrata nel vivo. Vi mostriamo le formazioni più significative della seconda meta del mese di Luglio con le relative ipotesi di significato.

Rivelazioni Shock


                                      
                                                                                                                           

Share:

HOPI: AVVERTIMENTO ALL’UMANITÀ



HOPI: AVVERTIMENTO ALL’UMANITÀ


I discendenti della tribù degli Hopi e altre famiglie indiane, sostengono che le pietre, le piante e tutto ciò che vive, parlano di un prossimo cambiamento dell’umanità e ora siamo alle porte del terzo e ultimo avvertimento mondiale.

Un saggio Hopi afferma che:
“La nostra storia, quella delle nostre tribù, racconta che gli Esseri Arcobaleno, ci parlano anche attraverso un petroglifo noto come la Roccia delle profezie Hopi, che simboleggia molti avvertimenti degli antichi nativi lasciati in eredità alle generazioni future. Molte di queste profezie si sono gia’ avverate e presto avremo il modo di vedere cosa succedera’ con l’ultimo avvertimento.
E’ stato spiegato molte volte, che il Grande Spirito scuoterà la Terra tre volte in tre diversi periodi della storia; molte persone seguiranno la strada dell’avidità, l’interesse per sé stessi e la disconnessione dal Cuore.

Rivelazioni Shock

Il grande scuotimento della terra avra’ lo scopo di catturare la nostra attenzione e per la correzione dell’Umanita’ fornendo la possibilità di riallineare l’onore e l’amore per la vita. Alla fine,comunque, arrivera’ il ‘tempo della purificazione‘, attraverso il quale il genere Umano avra’un’ultima possibilità per tornare verso il Sentiero del Cuore.”

PURIFICAZIONE

Share:

Sentire è il segreto – Neville Goddard (Parte 4)

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

MUSIC FOR THE SOUL

Etichette

Recent Posts

Visualizzazioni totali